Cambia la dimensione del font: Default | 14px | 16px

Nota
di Giancarlo Majorino

Furore e tenerezza alimentano la poesia di Maria Attanasio. Ogni verso e ogni insieme. Pure perché allenati a lèggere, a riconoscere, distribuiti in autori diversi, innervazioni o di lampi inquieti o di rapporto non solo intimo con il reale extrapoetico. Le prime per facilità nominabili quali fattori lirici; le seconde, sempre rapidamente, quali fattori epici. È invece di Maria, e dei più rilevanti poeti, un’indubitabile capacità coagulante, e di ‘precipitazione’ e di ‘narrazione’. Occorrono, per tali prove, congiunzioni o meglio miscelazioni di strumenti raffinati e di paziente, appassionato ascolto. Un cooperare o mescolarsi che la padronanza linguistica e l’ardore conoscitivo possono crucialmente favorire.


OF RED AND BLACK VERSE
Maria Attanasio, Fourteen Poems
Milano: Il Faggio, 2007
                                                                         DEL ROSSO E NERO VERSO
                                                                         Maria Attanasio, Quattordici poesie
                                                                         Milano: Il Faggio, 2007

I
White flooded the writing
like a river of milk a cycle of bleach
–clicking what? I asked
the towered city the barred door
lost in the blind screen
among hidden files without connections.
                                                                         I
                                                                         Il bianco dilagò nella scrittura
                                                                         come un fiume di latte un giro di candeggio
                                                                         –cliccare cosa? chiesi
                                                                         alla città turrita alla porta sbarrata
                                                                         persa nella cieca videata
                                                                         tra files occultati arti senza connessioni.